I medici olandesi autorizzati a procedere con l'eutanasia senza preavviso

Fonte: FSSPX Attualità

Nei Paesi Bassi, i medici possono ora introdurre un sedativo all'insaputa dei loro pazienti e senza il loro consenso prima di sottoporli all'eutanasia, se c'è il rischio che il paziente "si agiti" durante l'esecuzione del gesto che dovrebbe porre fine alla sua vita.



 

Sta finalmente cadendo la maschera della "dolce eutanasia, che ti permette di concludere i tuoi giorni con dignità"? Nei Paesi Bassi, questo potrebbe essere il caso, come mostra The Guardian nella sua edizione del 20 novembre 2020.

Nel paese dei tulipani, infatti, il protocollo per i pazienti affetti da demenza o da una condizione simile è stato appena cambiato in modo significativo. D'ora in poi "non è più necessario che il medico concordi con il paziente quando e come sarà somministrata l'eutanasia."

In altre parole, è verso un'esecuzione sommaria, legale e formale che si sta andando.

Questa sorprendente decisione segue una sentenza della Corte Suprema dei Paesi Bassi dello scorso aprile, che ha deciso di svincolare da ogni sospetto un medico che aveva sedato la sua paziente per eliminarla a sua insaputa.

I fatti risalgono al 2016. Il praticante - di nome Marinou Arends - è stato condannato per omicidio dopo aver soppresso una paziente affetta da Alzheimer avanzato.

Secondo quanto riferito, quest'ultima inizialmente aveva indicato che desiderava essere soppressa, nel caso fosse stata trasferita in una casa di riposo. La paziente in seguito ritrattò, indicando in diverse occasioni che non voleva più che fosse eseguita l'eutanasia su di lei.

Nonostante questo voltafaccia, Marinou Arends ha semplicemente concluso i giorni della sua paziente, a sua insaputa, dopo averle somministrato un sedativo mescolato al caffè.

Qui è dove cadiamo inorriditi: il sedativo non ha avuto l'effetto sperato e la povera donna ha cercato di staccare il braccio dall'ago fatale; ed è stato con l'aiuto muscolare del genero della paziente che il medico ha potuto eseguire l'uccisione.

In una sentenza di vasta portata, per la quale i suoi membri dovranno rispondere davanti alla storia, la Corte Suprema ha annullato la condanna per omicidio e ha assolto Arends.

Jacob Kohnstamm, presidente della Commissione olandese di revisione dell'eutanasia, ha accolto con favore il nuovo protocollo messo in atto nel novembre 2020: "Almeno i medici avranno meno da temere la giustizia". Quella degli uomini forse. Ma la giustizia infallibile del Creatore?