Il cardinale Müller accusa il Sinodo di voler distruggere la Chiesa

Fonte: FSSPX Attualità

In un'intervista concessa a Raymond Arroyo per EWTN, e relativa alla situazione della Chiesa e al sinodo in corso, il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, critica fortemente il cardinale Mario Grech e le sue tesi ecclesiologiche.

Il cardinale Gerhard Müller avverte che la Chiesa cattolica sta affrontando "una presa di potere ostile" da parte di persone che "pensano che la dottrina sia come il programma di un partito politico" che può essere modificata con dei voti.

Ad una prima domanda sulla fase diocesana, sui rapporti che ha prodotto e sui temi emersi – la comunità LGBT, i divorziati risposati – il cardinale ha risposto che "il punto centrale di questa ideologia è sfruttare la Chiesa cattolica per promuovere le proprie idee". Aggiunge che "se tutti sono i benvenuti nella Chiesa, bisogna prima pentirsi dei propri peccati e cambiare vita secondo i comandamenti di Dio".

La seconda domanda riguarda le richieste di emancipazione per le donne nella Chiesa e in particolare la loro ordinazione. Il cardinale risponde che "il potere politico non ha niente a che fare con la Chiesa" quando non ha niente a che vedere con il Vangelo e la dottrina cattolica. Senza contare che la questione dell'ordinazione delle donne è definitivamente risolta.

Alla terza domanda sul sistema che si sta mettendo in atto dietro questo sinodo, la risposta è piuttosto aspra: "Questa occupazione della Chiesa cattolica è una presa di controllo ostile della Chiesa di Gesù Cristo. (…) In questo sistema, pensano che la dottrina sia solo come il programma di un partito politico, che possono cambiarla in base ai loro voti". 

La terza domanda riguarda il cardinale Mario Grech, il quale ritiene che l'attenzione riservata alle coppie dello stesso sesso e ai divorziati risposati debba essere un'occasione per ascoltare lo Spirito Santo parlare attraverso di loro. Il cardinale Müller vi vede "l'esperienza individuale messa sullo stesso piano della rivelazione oggettiva di Dio". Conclude duramente: "Come è possibile che il cardinale Grech sia più intelligente di Gesù Cristo? Da dove prende la sua autorità per relativizzare, per sovvertire Dio?"

Prosegue accusando il processo sinodale di trasformarsi in una presa di controllo della Chiesa e afferma che "se ci riusciranno, sarà la fine della Chiesa cattolica". E, aggiunge, "dobbiamo resistergli come contro gli eretici".

Parlando dell'instrumentum laboris, essendo redatto da esperti – laici, suore, sacerdoti e un arcivescovo – commenta: "Sognano un'altra Chiesa che non ha nulla a che vedere con la fede cattolica (…) e vogliono abusare di questo processo, per spostare la Chiesa cattolica – e non solo in un'altra direzione, ma verso la distruzione della Chiesa cattolica". 

E il Papa in questa vicenda?
Ad una domanda diretta sul Papa, il cardinale si limita a ricordare il suo ruolo nella Chiesa. Ma ritorna sull'ecclesiologia del cardinale Grech, che merita di essere citata: "Una corretta accoglienza dell'ecclesiologia del Concilio attiva processi così fruttuosi da aprire scenari che nemmeno il Concilio aveva immaginato, e in cui si manifesta la azione dello Spirito che guida la Chiesa". 

L'ex prefetto della dottrina della fede è poi ancora più virulento: "Tutto questo viene dall'autorità del cardinale Grech, dalla sua stessa rivelazione, per lui. (…) Lo sanno tutti quelli che hanno studiato il primo semestre di sociologia: la Chiesa e le autorità nella Chiesa non possono cambiare la Rivelazione (…) per fondare una nuova Chiesa e poi giustificare tutto parlando dello Spirito Santo".

"Lo Spirito Santo non è una forma di presbiterianesimo, né di tutti quei movimenti pneumatici fuori dalla Chiesa cattolica. È lo Spirito del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. (…) Non è quindi uno slancio per un processo che alla fine ci porta contro la Rivelazione. Sono sorpreso che il cardinale Grech si presenti come una super autorità. (…)"

"E mi preoccupo per il modo in cui presenta una nuova ermeneutica della fede cattolica, semplicemente perché è il segretario del sinodo, che non ha autorità sulla dottrina della Chiesa; e tutti questi sinodi di vescovi e il processo non hanno autorità, nessuna autorità magistrale di sorta."

Infine, a una domanda che chiede se il sinodo sia una preparazione per un Vaticano III, un concilio "pop-culturale", la risposta è inequivocabile: "Sì, certo. Questo darebbe l'impressione che sia davvero possibile che la Chiesa possa cambiare (…) e che lo Spirito Santo sia solo una funzione per gli organizzatori del sinodo. Questo è un modo per minare la fede cattolica e la Chiesa cattolica".