India: il governo smentisce gli attacchi contro i cristiani

Fonte: FSSPX Attualità

I monsignori Salvadore Lobo e Peter Machado

Una petizione firmata da mons. Peter Machado di Bangalore, insieme al National Solidarity Forum e alla Evangelical Fellowship of India, è stata depositata presso la Corte Suprema per denunciare gli attacchi ai cristiani. Sono stati segnalati quasi 500 incidenti commessi nel 2021 e nel 2022, con prove a sostegno.

La Corte Suprema ha quindi chiesto al governo centrale indiano di esaminare la situazione. Il rapporto che accompagna questa petizione elenca demolizioni di chiese, omicidi, conversioni forzate, violenze fisiche, arresti di religiosi, deturpazioni di statue, chiese e proprietà, nonché interruzione di raduni religiosi e messe.

Incidenti dichiarati infondati o volutamente esagerati
In risposta, il 13 aprile 2023, il governo indiano ha confutato la veridicità del rapporto che elencava gli attacchi ai cristiani. Secondo le autorità indiane, meno di un terzo dei 495 attacchi e violenze perpetrati tra il 2021 e il 2022 contro la minoranza cristiana in vari stati dell'India sarebbe reale, riferisce Chiese d'Asia, il 10 maggio.

"Dei 232 incidenti registrati dai governi statali, 73 sono stati risolti amichevolmente, con l'accordo di entrambe le parti. Questi 73 incidenti erano legati a controversie sulla terra, pratiche superstiziose, violazioni delle regole del Covid-19 e altri problemi", ha affermato il Governo.

"Delle denunce sono state presentate in altri 155 casi" nelle stazioni di polizia locali negli stati di Uttar Pradesh, Chhattisgarh, Madhya Pradesh, Karnataka, Haryana, Bihar, Jharkhand e Odisha. Il governo federale denuncia un'esagerazione degli attacchi elencati nel rapporto. "Molti degli episodi elencati come persecuzione contro i cristiani sono falsi o travisati".

"Molte controversie tra le due parti sono state dipinte con colori religiosi. La verifica dei fatti e dei rapporti rivela che i litigi familiari e le dispute sulla terra sono stati persino presentati come attacchi alla comunità", sostiene il Governo. Gli incidenti sarebbero "infondati e per lo più falsi o deliberatamente esagerati e privi di fondamento". Confutando la veridicità dei fatti addotti, le autorità indiane chiedono il ritiro della petizione.

Negano anche un mancato coinvolgimento della polizia che, secondo le accuse, avrebbe alimentato un clima di intolleranza. "Al contrario, la verifica dei rapporti ufficiali dei governi regionali rivela che la polizia ha agito rapidamente in molti casi e svolto le indagini necessarie, in conformità con la legge", argomentano ricordando che la Costituzione garantisce la legge sulla libertà religiosa in India.

Il tribunale ha preso atto del rapporto presentato dal governo federale e ha concesso ai firmatari tre settimane per rispondere.

Gli attacchi ai cristiani si sono diffusi a partire dal 2021
Nella loro risposta dell'8 maggio, i tre firmatari hanno sottolineato che la controrelazione del governo federale ha rivelato che i gruppi politici legati al governo federale erano coinvolti nei crimini della comunità, perché quella controrelazione menziona inavvertitamente i nomi delle organizzazioni hindutva (indù), la cui ideologia – sostenuta dal Bharatiya Janata Party (BJP) – mira a proteggere il patrimonio indiano dalle minoranze religiose provenienti dall'estero.

Di conseguenza, i firmatari hanno espresso la loro mancanza di fiducia nel Governo e hanno chiesto che un giudice della Corte Suprema in pensione fosse a capo di un'agenzia di controllo, con il mandato di nominare agenti di polizia che potessero effettivamente supervisionare le indagini.

La loro risposta rileva inoltre che gli attacchi ai cristiani si sono diffusi in diversi stati dal 2021. Questi attacchi hanno coinciso con l'adozione o la modifica delle leggi anti-conversione da parte di Uttar Pradesh, Madhya Pradesh, Karnataka e Haryana.

I firmatari hanno anche affermato che nel 2021 sono stati segnalati 505 casi di aggressione, 598 nel 2022 e 123 a gennaio e febbraio di quest'anno. Hanno contestato il Governo e affermato che l'apparato statale non è riuscito a intraprendere un'azione immediata e forte contro i gruppi che causano violenze diffuse, come gli attacchi al culto cristiano e l'interruzione degli incontri di preghiera.

Nella maggior parte dei casi, gli aggressori sono accompagnati dalla polizia locale, che dà loro fiducia per ricorrere alla violenza. I firmatari affermano che il 90% dei casi segue un modus operandi simile e che questi attacchi fanno parte di una strategia pianificata.

Infine, "mentre i membri della comunità [cristiana] e i sacerdoti sono costretti a scontare lunghe ore in carcere senza possibilità di libertà su cauzione, non c'è un solo caso in cui gli aggressori abbiano dovuto trascorrere del tempo in detenzione", hanno affermato i firmatari.

Un governo filo-indù deciso contro i cristiani
Nella stragrande maggioranza dei 29 Stati dell'Unione indiana, i militanti del partito nazionalista indù del Bharatiya Janata Party (BJP) sono un'autorità e il loro programma politico è apertamente discriminatorio nei confronti delle minoranze cristiane e musulmane, in nome del suprematismo Indù.

Il BJP del primo ministro indiano Narendra Modi, al potere dal 2014, si è impegnato ad attuare un programma politico filo-indù, imponendo la sua ideologia di Hindutva (indù) dove solo la cultura indù definisce la nazione indiana e la sua identità.

I cattolici indiani gestiscono più di 25.000 scuole e università in tutta l'India e 85.000 letti d'ospedale in villaggi remoti. Più di 5 milioni di persone povere ed emarginate sono accudite ogni anno da 5.000 organizzazioni cattoliche registrate. I cristiani costituiscono il 2,3% degli 1,4 miliardi di abitanti dell'India e sono principalmente perseguitati dai gruppi nazionalisti indù associati al partito pro-indù al potere Bharatiya Janata.

Mons. Salvadore Lobo, vescovo emerito di Baruipur, West Bengal, racconta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) che le leggi anti-conversione, applicabili in alcuni stati, sono spesso utilizzate impropriamente per coprire la discriminazione anticristiana. "Alcuni partiti accusano la Chiesa di seduzione, ma negli ultimi 30 anni la percentuale di fedeli cattolici non è aumentata in India, quindi non si tratta di seduzione!"

Il vescovo emerito di Baruipur sottolinea l'ipocrisia dei radicali indù che accusano i missionari di convertire le persone in cambio di cibo o denaro, disprezzando le opere della Chiesa, come ospedali, scuole e organizzazioni di aiuto, a beneficio di migliaia di persone.

"Ho visitato un ospedale cattolico di Bangalore che riceve 3.000 pazienti al giorno in day hospital. La maggior parte non sono cristiani, ma i nostri ospedali sono molto apprezzati perché trattano i pazienti come esseri umani. È per questo che alcuni ci accusano di seduzione."

"Il principio del BJP è dividere e conquistare", spiega mons. Lobo. Sebbene il cristianesimo sia presente in India da quasi duemila anni, gli indù radicali spesso li descrivono come non indiani. Usano questa retorica per mobilitare la loro base elettorale, per vincere le elezioni.

Se "a volte ci sono persecuzioni contro di noi, non è la fine della Chiesa. (…) Crediamo che il sangue dei martiri fa crescere la Chiesa. Dobbiamo essere pazienti e rendere la nostra vita una testimonianza visibile, anche quando soffriamo".