Israele: il presidente condanna la violenza contro i cristiani

Fonte: FSSPX Attualità

Il 9 agosto 2023, il presidente israeliano Isaac Herzog ha incontrato i rappresentanti delle Chiese di Terra Santa presso il santuario Stella Maris di Haifa (nord del Paese). Una visita avvenuta in un contesto di crescenti intimidazioni nei confronti dei cristiani.

"Sono venuto qui a nome dell'intero Stato e del popolo di Israele per rafforzare il nostro impegno per la piena protezione della libertà di religione e di culto nello Stato di Israele", ha affermato Herzog. Se il ruolo del presidente è essenzialmente onorifico, è tenuto a essere garante dell'unità nazionale. Il presidente Herzog ha quindi ripetutamente condannato gli atti anticristiani.

Ha affermato, il 10 luglio, che lo Stato di Israele è impegnato a porre fine a questa preoccupante realtà. "In questi mesi abbiamo assistito a gravissimi incidenti contro le confessioni cristiane in Terra Santa, nostri fratelli e sorelle, dei cittadini cristiani che si sentono attaccati nei luoghi di preghiera, nei cimiteri, per strada".

"Prendo molto sul serio questo fenomeno; è inaccettabile in ogni modo e deve essere sradicato. Sono molto grato alla polizia israeliana e alle forze dell'ordine per aver preso sul serio questo problema", ha detto ancora Herzog, come riportato da The Jerusalem Post.

All'evento erano presenti l'Abate del Monastero di Stella Maris, Jean Joseph Bergara, il Patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa, e il Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme, Theophilos III. Era presente anche l'ispettore generale della polizia israeliana Yaakov Shabtai.

Durante l'ultima settimana di luglio, decine di membri del movimento chassidico di Breslov si sono scontrati con i cristiani a Stella Maris ad Haifa. La tensione era al culmine quando gli estremisti ebrei hanno tentato di prendere d'assalto il monastero e la chiesa. Dopo diversi tentativi, gli intrusi sono entrati nel cortile esterno del monastero. Da allora è stata eretta una recinzione per impedire ulteriori intrusioni.

La mossa del presidente Herzog è arrivata dopo che gli alti funzionari della polizia di Gerusalemme si sono incontrati con i leader cristiani al museo della Torre di David l'8 agosto per affrontare l'aumento dei crimini d'odio contro i cristiani nella Città santa dall'inizio dell'anno.

Il comandante del distretto Doron Turgeman ha definito la riunione "speciale" al fine migliorare il coordinamento e rafforzare i legami tra la polizia di Stato ebraica e le varie chiese. "La realtà ci mette di fronte a molte sfide, così come atti spregevoli e vergognosi che meritano condanna", ha detto Turgeman.

Il comandante del distretto di polizia della città vecchia di Gerusalemme, Amir Cohen, ha riferito di attività della polizia volte a contrastare i crimini d'odio contro i religiosi e le chiese cristiane. Cohen "ha espresso il suo totale impegno nella lotta contro questo fenomeno riprovevole".

Preoccupazioni a Roma
Il degenerare del comportamento di alcuni ebrei nei confronti dei cristiani in Terra Santa è arrivato fino in Vaticano, dove il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen si è recato in visita il 13 luglio. Li ha condannati pubblicamente in un incontro con il suo omologo nella Santa Sede, Paul Gallagher.

Atti anticristiani in aumento
Dall'inizio dell'anno i cristiani sono stati testimoni di numerosi episodi di vandalismo e segni di mancanza di rispetto. Da gennaio, la polizia israeliana ha indagato su più di una dozzina di crimini d'odio contro i cristiani e le loro chiese a Gerusalemme, nonostante le polemiche scatenate dal vicesindaco di Gerusalemme Aryeh King, che ha rifiutato di condannare gli attacchi, dicendo: "Sosteniamo il turismo, ma non i missionari". 

A gennaio, decine di tombe cristiane sono state vandalizzate nel quartiere della Città Vecchia. Due adolescenti sono stati identificati, arrestati e accusati di vandalismo. Questo attacco è stato seguito da video che mostravano degli estremisti che sputavano sui preti cattolici e lanciavano pietre contro gli edifici.

Il 9 luglio, il presidente israeliano Herzog ha affermato che gli attacchi ai cristiani sono "una vera vergogna". Durante una commemorazione in onore di Theodor Herzl, fondatore del sionismo moderno, ha dichiarato: "Condanno totalmente la violenza, in tutte le sue forme, diretta da un piccolo gruppo estremista contro i luoghi santi della fede cristiana e contro il clero cristiano in Israele". 

"Ciò include sputi e profanazioni di tombe e chiese", ha aggiunto, riconoscendo che il fenomeno è aumentato "in particolare nelle ultime settimane e negli ultimi mesi".

Il 6 giugno, il Patriarca latino Pierbattista Pizzaballa ha annunciato la creazione di un centro di documentazione sugli attacchi contro i cristiani, il cui coordinamento è stato affidato a Yisca Harani. Ha istituito una linea telefonica d'emergenza per segnalare casi di comportamento anticristiano.