Israele: tentativi di assaltare una chiesa da parte di ultraortodossi

Fonte: FSSPX Attualità

Monastero di Sant'Elia al Monte Carmelo

Nelle ultime settimane, gruppi ultraortodossi israeliani hanno ripetutamente tentato di prendere d'assalto la chiesa cattolica melchita e il monastero di Sant'Elia vicino alla città portuale israeliana settentrionale di Haifa, spingendo i cristiani a prendere provvedimenti per proteggere l'area.

La tomba del profeta Eliseo?
I ripetuti attacchi a Deir Mar Elias sono legati alle affermazioni di un gruppo di israeliani che sostengono contro ogni verosimiglianza e contro la Storia che il sito contenga la "tomba del profeta Eliseo".

Il monastero fu fondato dai Carmelitani. L'ordine del Carmelo fu fondato da degli eremiti nel XII secolo sul famoso monte omonimo. Si rifà al profeta Elia. Il motto dell'Ordine è inoltre: "Sono pieno di geloso zelo per Yahweh, Dio degli eserciti", tratto dal primo libro dei Re (19, 14), parola pronunciata dal celebre profeta.

Secondo la tradizione, la grotta del profeta si trova sotto l'altare della chiesa. Ma come sono arrivati ​​questi gruppi ebraici a credere che nel monastero si trovi la tomba del profeta Eliseo, discepolo di Elia, rimane un mistero.

Diversi tentativi di intrusione
Dopo diversi tentativi la scorsa settimana, gli intrusi sono riusciti a infiltrarsi nel cortile esterno del monastero e a interrompere la preghiera in corso, provocando paura e rabbia nella comunità cristiana. I cristiani di Haifa si sono poi riuniti nel cortile del monastero per opporsi agli agitatori.

Per scoraggiare ulteriori attacchi, oggi la chiesa ha iniziato a erigere una recinzione di ferro intorno al monastero. Wadih Abu Nassar, consigliere di diverse chiese in Terra Santa, ha commentato l'installazione della recinzione in un post sulla sua pagina Facebook:

"La recinzione contribuirà a facilitare la presentazione di denunce contro coloro che tentano di passare al di sopra o sotto le mura del monastero, etichettandoli come aggressori. Renderà anche più facile proteggere il monastero dagli attacchi."

Mons. Pierbattista Pizzaballa, recentemente nominato cardinale da papa Francesco, patriarca latino di Gerusalemme, ha espresso preoccupazione per il fatto che i cristiani siano sempre più perseguitati in Terra Santa. Ha detto che l'attuale amministrazione del primo ministro Benjamin Netanyahu ha creato un clima politico in cui gli atti di aggressione sono tollerati.

"La frequenza di questi attacchi, di questi assalti, è diventata qualcosa di nuovo", dice il mons. Pizzaballa, come ha riferito La Croix International. "Queste persone [gli aggressori] si sentono protette (...) e l'atmosfera culturale e politica può ora giustificare, o tollerare, azioni contro i cristiani". 

Anche il Comitato islamo-cristiano per Gerusalemme e i suoi luoghi santi ha condannato le provocazioni e ha sottolineato la propria disapprovazione per le ripetute vessazioni e attacchi ai luoghi santi cristiani nell'area, definendo gli atti come "barbari".

Il comitato ha dichiarato che le affermazioni sull'esistenza di tombe ebraiche nelle chiese sono usate come pretesti per impossessarsi di luoghi sacri.