Kamala Harris parla di Dio promuovendo l'aborto

Fonte: FSSPX Attualità

È difficile immaginare che qualcuno possa essere orgoglioso di difendere l'obiettivo di legalizzare l'uccisione di bambini nel grembo materno per qualsiasi motivo, fino alla nascita. Eppure questo è ciò che fa Kamala Harris, vicepresidente degli Stati Uniti. Si permette anche di menzionare Dio nel suo discorso.

Questa settimana, Teen Vogue ha pubblicato un'intervista che la Harris ha avuto con l'abortista di Planned Parenthood, Colleen McNicholas, sugli sforzi per rendere nuovamente legale l'aborto senza restrizioni in tutti i 50 stati.

Con l'avvicinarsi dell'anniversario della sentenza Dobbs vs Jackson, la Vicepresidente ha invocato il nome di Dio per affermare che la legalizzazione dell'aborto su richiesta è una causa giusta e morale. "È un peccato che in questo anno 2023 di nostro Signore, le persone stiano cercando di farci tornare indietro", ha detto.

"Fa riconsiderare a molte persone che dobbiamo essere vigili e comprendere tutte le ramificazioni di questo problema e avere una legge federale che protegga le cure riproduttive in tutti i 50 stati."

Un progetto di legge sull'aborto dei più permissivi
Soprannominato Abortion Without Limits Until Birth Act dai leader pro-vita, il Women's Health Protection Act richiederebbe agli stati di legalizzare gli aborti per qualsiasi motivo fino alla nascita. Va ricordato che si tratta di un obiettivo esplicitamente formulato dall'OMS.

Porrebbe fine anche al divieto di selezione del sesso e al divieto di finanziamento dell'aborto da parte dei contribuenti e metterebbe a repentaglio le leggi che richiedono il consenso dei genitori per i minori, il consenso informato e la tutela della privacy per gli operatori sanitari a favore della vita.

La McNicholas, che si è unita alla Harris per l'intervista, è stata aperta per anni sulle sue opinioni radicali a favore dell'aborto. Nel 2019, ha detto all'AP che "qualsiasi motivo per abortire è un motivo valido", inclusa la selezione del genere e se il bambino sia affetto dalla sindrome di Down.

Si è lamentata del fatto che alcuni stati ora abbiano leggi che incarcerano gli abortisti per aver ucciso bambini non ancora nati in questi casi. Attualmente, 15 stati proteggono i nascituri vietando tutti o la maggior parte degli aborti, e altri si battono davanti ai tribunali per fare lo stesso.