Nuovo Ordine Mondiale: il Forum di Davos annuncia una censura

Fonte: FSSPX Attualità

Dal 15 al 19 gennaio 2024 si è tenuto a Davos, la famosa località dei Grigioni in Svizzera, il 54esimo incontro annuale del World Economic Forum (WEF). Personalità del settore pubblico e privato ed esperti della società civile si sono riunite per discutere: erano presenti più di 50 capi di Stato e di governo e circa 300 ministri e altri leader politici.

Il Center for Family and Human Rights (C-Fam) ha seguito da vicino gli interventi e i dibattiti di questo incontro dei leader mondiali. Uno dei punti emersi con chiarezza è stata la riaffermazione dell’impegno a "lottare" contro quella che viene chiamata "disinformazione" o "misinformazione". Ma è noto che dietro queste parole si cela la volontà di sradicare l’opposizione.

In risposta a un certo scetticismo dell’opinione pubblica nei confronti dell’agenda globalista, il WEF ha posto la sessione del 2024 sotto il segno della "ricostruzione della fiducia". Nel corso dell’evento, diversi relatori hanno ribadito che la "disinformazione" mina la fiducia nelle istituzioni internazionali e che i leader mondiali hanno l’obbligo di combatterla.

Questa preoccupazione deve essere tradotta: dietro il termine "disinformazione", questa lotta pone non solo ciò che potrebbe essere propriamente designato come tale – informazioni contrarie alla realtà – ma anche verità o opinioni fondate che criticano o rifiutano l’aborto, l’ideologia di genere, l’eutanasia e anche il matrimonio omosessuale.

Piccola antologia
Tirana Hassan, direttore esecutivo di Human Rights Watch, ha collegato l’attuale "clima di disinformazione" all’autoritarismo. Ha dichiarato che "i segnali d’allarme [dell’autoritarismo] stanno apparendo… con concetti come la protezione dei valori della famiglia o la salvaguardia delle nostre tradizioni" e che il pubblico dovrebbe prestare loro particolare attenzione.

"Questi concetti sono generalmente egoistici e manipolativi: quasi sempre danneggiano le persone e limitano i diritti umani", ha aggiunto. Ha continuato dicendo che "un altro esempio è quando i diritti delle donne vengono attaccati. (…) I governi dicono alle donne (…) se possono essere incinte oppure no".

Il Rapporto sui rischi globali del WEF 2024 cita la disinformazione e le informazioni errate come i maggiori rischi a breve termine. Il WEF ha lanciato un’iniziativa denominata Disinformazione e COVID-19 – Intelligence strategica per promuovere una narrativa dominante sulla pandemia.

Meredith Kopit Levien, CEO del New York Times, ha affermato che "Google ha fatto progressi reali nel modo in cui i contenuti vengono indicizzati", il che significa che è diventato efficace nel generare e promuovere la "risposta giusta" e allontanare "informazioni indesiderate".

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha affermato che "per la comunità imprenditoriale globale, la principale preoccupazione per i prossimi due anni non sarà il conflitto o il clima: sarà la disinformazione". Ha aggiunto che "i valori che apprezziamo offline devono essere protetti anche online". Questi valori includono l’accesso all’aborto e la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, priorità dell’Unione Europea (UE).

Vera Jourová, vicepresidente della Commissione europea per i valori e la trasparenza, ha affermato che l'UE "è concentrata sul miglioramento del sistema in modo che le persone ottengano i fatti esatti". Ha affermato che l’Europa "ha tutta la tecnologia necessaria per combattere la disinformazione".

Leyen e Jourová hanno fatto riferimento al diritto dell’UE che stabilisce norme per regolamentare le piattaforme e i servizi online. Questa legge include una sezione sulla "mitigazione dei rischi come la manipolazione e la disinformazione". Dal 17 febbraio la legge dovrebbe essere vincolante per gli Stati membri che dovranno istituire dei coordinatori dei servizi digitali. Una sorta di "Grande Fratello"?