Stati Uniti: il decreto transgender condannato da una corte d'appello

Fonte: FSSPX Attualità

L'amministrazione Biden non può obbligare le organizzazioni cattoliche e i professionisti medici a eseguire interventi di riassegnazione di genere o a pagare l'assicurazione per tali interventi, ha stabilito la Corte d'appello dell'8° circuito degli Stati Uniti in una sentenza del 9 dicembre, che invocava motivi di libertà religiosa.

"Il governo federale non può costringere i medici contro la loro coscienza o a compiere atti controversi che potrebbero causare danni permanenti ai pazienti", ha affermato venerdì Luke Goodrich, vicepresidente e consigliere senior del gruppo legale Becket.

"Questa è una decisione di buon senso che protegge i pazienti, si allinea con la migliore pratica medica e garantisce che i medici possano seguire il giuramento di Ippocrate di 'non nuocere'", ha concluso l'avvocato.

Becket funge da consulente legale di una coalizione di organizzazioni cattoliche che rappresentano ospedali, medici e cliniche che hanno presentato ricorso contro l'ordine esecutivo emesso dal Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) del presidente Joe Biden. I gruppi cattolici hanno affermato che il decreto li ha costretti a pagare l'assicurazione ed eseguire operazioni di transizione di genere e aborti, contro la loro coscienza.

I querelanti includevano quattro gruppi cattolici: Religious Sisters of Mercy, così come la Catholic Benefits Association, la Catholic Medical Association, la diocesi di Fargo e la Catholic Charities del North Dakota. Quest'ultimo stato si è unito a loro.

La sentenza di tre giudici dell'8° Circuito rileva che le Suore della Misericordia affermano "che le procedure di transizione di genere violerebbero il loro giudizio medico causando potenzialmente danni ai pazienti". Inoltre, violerebbe le loro convinzioni sulla sessualità umana e sulla procreazione, così come fornire un'assicurazione ai dipendenti per tali procedure.

La sentenza ha confermato la decisione di un tribunale distrettuale federale del gennaio 2021, concedendo un ordine di sospensione. La Corte d'appello si è schierata con la decisione del tribunale secondo cui l'intrusione nel libero esercizio della religione dei querelanti cattolici era sufficiente a dimostrare un "pregiudizio irreparabile".

"Il tentativo del governo di costringere i medici ad andare contro la loro coscienza è stato dannoso per i pazienti, per i medici e per la libertà di religione", ha aggiunto Goodrich. "Questa vittoria costituisce un importante precedente: gli operatori sanitari credenti sono liberi di esercitare la medicina secondo la loro coscienza e il loro giudizio professionale".

La decisione pone fine a una lunga battaglia legale derivante da una norma simile, risalente all'amministrazione Obama nel 2016. L'attuale amministrazione ha rilasciato modifiche nel gennaio 2021. Se fosse stata finalizzata, la norma dell'amministrazione Biden avrebbe autorizzato l'HHS a costringere ospedali e medici a eseguire interventi chirurgici di transizione di genere, oltre a espandere la versione della regola dell'era Obama per includere l'aborto.

La proposta ha incontrato una forte opposizione da parte dei medici credenti, delle organizzazioni mediche e della Conferenza episcopale, che ha risposto con un comunicato del 27 luglio. I vescovi si sono opposti all'idea di richiedere agli operatori sanitari "di eseguire interventi chirurgici che alterano la vita e di rimuovere parti del corpo perfettamente sane".

Un'altra causa federale, Franciscan Alliance v. Becerra, ha portato all'annullamento dell'ordine esecutivo da parte della Corte d'appello del 5° circuito, con una decisione del 26 agosto. Il termine per presentare ricorso contro questa decisione è scaduto il 25 novembre. In questo caso, i gruppi medici religiosi hanno impugnato il decreto.