Terra piatta? I retroscena di una falsificazione (1)

Fonte: FSSPX Attualità

L'incoronazione di Ottone III nel 983. L'imperatore tiene in mano il globo crucigero.

No, la falsificazione di cui parleremo non viene dalla NASA, ma riguarda l’idea radicata e tuttavia falsa di un Medioevo "terrapiattista", e le basi ideologiche di questo mito.

La recente incoronazione di Carlo III ci ha regalato un'immagine che sembra uscita da un libro di storia: il nuovo re Carlo III tiene in mano le insegne del potere reale, tra cui il globo crucigero, vale a dire la sfera sormontata da un croce, che simboleggia la Terra redenta dalla Croce di Gesù Cristo. Questa sfera ha un uso molto antico.

Lo si ritrova in tutto il Medioevo, in particolare nelle rappresentazioni di Cristo, che tiene il globo in mano o sotto i piedi. La sfera presenta un emisfero delineato in tre parti a causa dei tre continenti conosciuti all'epoca. Spicca quindi un fatto: la Terra è rappresentata come una sfera molto prima della scoperta dell'America.

Ciò dovrebbe sollevare interrogativi su un mito estremamente diffuso, ovvero che "nel Medioevo si credeva che la Terra fosse piatta". Lo sentiamo dalla bocca di giornalisti, intellettuali, ex ministri come Marlène Schiappa o Claude Allègre, e perfino nei film storici, nei libri di storia e nei libri di testo scolastici, anche recenti.

In una trasmissione del 2022 di "C Jamy", sponsorizzata dal famoso Jamy Gourmaud, l’oratore ha detto: "Nel XV secolo, ai tempi di Cristoforo Colombo, molte persone pensavano che la Terra fosse piatta. Si basavano su ciò che dice la Bibbia [immagine di San Tommaso d'Aquino], ma Cristoforo Colombo non ci ha creduto nemmeno per un secondo". [1] 

E se consultiamo il barometro del pensiero dominante, ovvero ChatGPT, ci dice questo: "Nel Medioevo si pensava generalmente che la Terra fosse piatta. […] Teorie scientifiche sulla forma della Terra, come quelle sviluppate dagli antichi greci, erano note, ma spesso furono considerate controverse o eretiche dalla Chiesa". [2] 

Vediamo quindi che il presunto "terrapiattismo" medievale è associato alla fede cattolica, che avrebbe dogmatizzato questa idea ingenua basata sulla Bibbia contro la conoscenza dei greci pagani. Solo che sono passati diversi decenni da quando gli studi hanno dimostrato inequivocabilmente che si tratta di un mito [3].

Innumerevoli prove

Al di là del discorso iconografico, basterebbe aprire qualche libro erudito di un sacerdote cattolico di questo vasto periodo per mettere fine al mito del "terrapiattismo" medievale. Sappiamo che Cristoforo Colombo basò la sua audace impresa su un'opera incompiuta di papa Pio II († 1458), la Historia rerum ubique gestarum, che l'esploratore aveva annotato.

Fin dalle prime righe di quest'opera enciclopedica, Pio II asserisce: "Su pochissime cose, tutti sono d'accordo che la forma del mondo [4] sia sferica [rotundam]; si è d'accordo allo stesso modo sul tema della Terra". Nella stessa opera, il Papa tratta delle misurazioni della circonferenza terrestre compiute da Eratostene (III secolo aC) e Tolomeo (II secolo).

Cristoforo Colombo aveva annotato anche un'opera del cardinale Pierre d'Ailly († 1420), l'Imago mundi. Il dotto cardinale vi parlò del raggio e del volume della sfera terrestre, delle zone climatiche secondo la latitudine o dei poli. Egli vi affermava, ad esempio, per conclusione logica, che "quelli che vivrebbero al Polo avrebbero durante la metà dell'anno il sole sopra il loro orizzonte, e durante l'altra metà, una notte continua [5]", il che è straordinariamente esatto.

Pierre d'Ailly si ispirò al Trattato della Sfera di Nicolas Oresme († 1322), vescovo di Lisieux e consigliere di Carlo V. Il titolo dell'opera è sufficientemente evocativo. Lo stesso Oresme si ispira a un'opera eponima, il Trattato della Sfera del monaco inglese Jean de Sacrobosco († 1256) che fu un grande successo pedagogico ripubblicato, integrato e commentato per diversi secoli.

Allo stesso tempo, san Tommaso d'Aquino, nelle primissime pagine della Summa Theologica, volendo mostrare che alla stessa conclusione si può giungere per vie diverse, così illustra il suo punto: "Si tratta infatti della stessa conclusione dimostrata da l’astronomo e il fisico, per esempio, che la terra è rotonda [6]".

Si tratta quindi di un'ovvietà accettata dai vari studiosi dell'epoca. A cavallo del II millennio, Gerberto d'Aurillac († 1003), eletto papa con il nome di Silvestro II, realizzò un globo terrestre e, come molti dotti dell'epoca, commentò Macrobio [7] († 400), che asserisce la sfericità.

Aggiungiamo anche san Beda il Venerabile († 735) che ci dice che "La Terra è simile ad un globo", sant'Isidoro di Siviglia († 636) che parla di "globo terrestre" nelle sue famose Etimologie, Boezio († 524) che evoca la "massa rotonda della Terra" [8], san Gregorio di Nissa († 395) che ci descrive un'eclissi mediante la proiezione della "forma sferica" [9] della Terra sul Luna, ecc. [10].

Naturalmente, la cosmologia antica asserisce anche una Terra immobile al centro di un cosmo sferico chiuso, ma questi errori sono presi dai Greci.

Don Frédéric Weil

(Continua)

 

[1] Evan Adelinet, C Jamy del 22 aprile 2022. Troviamo lo stesso errore da parte di Jamy Gourmaud in un altro episodio dello show.

[2] La risposta di ChatGPT alla domanda "Che forma aveva la terra secondo gli abitanti del Medioevo?". Bisogna tenere presente che se poniamo la domanda più specifica: "Cosa dicono gli studi recenti sull’idea che nel Medioevo credevamo che la terra fosse piatta?", otteniamo una risposta diametralmente opposta che smonta il mito. Da dove vediamo come questa IA sia stata "addestrata" con dati contraddittori, la maggior parte dei quali ha ripreso il mito. La prima questione, più ampia, ottiene così la risposta che corrisponde alla maggioranza dei testi, e quindi all'opinione dominante. La seconda domanda mira a indirizzare la risposta verso studi specifici su questa idea ricevuta.

[3] Vedi Inventing the Flat Earth, Jeffrey Burton Russel, 1991.

[4] Il "mondo" non è la Terra, ma si riferisce all'antica cosmologia di un universo chiuso e sferico. La confusione tra i due è frequente, anche nelle opere degli storici. Abbiamo cercato di rimuovere questa ambiguità in tutto il nostro articolo.

[5] Ymago mundi di Pierre d'Ailly, tradotto e commentato da Edmond Buron, volume 1, Maisonneuve frères, 1930.

[6] Summa Theologica, Ia pars, q. 1, a. 1, ad 2um.

[7] Commento al sogno di Scipione.

[8] La consolazione della filosofia, II, 13.

[9] "Secondo gli astronomi, in questo mondo pieno di luce, l’ombra [sulla Luna] è causata dall’interposizione del corpo della Terra. Ma l'ombra, secondo la sua forma sferica, è racchiusa posteriormente dai raggi del sole e assume la forma di un cono. Il sole, parecchie volte più grande della Terra, la circonda da tutti i lati con i suoi raggi e, al limite del cono, unisce tra loro i punti di attacco della luce". La creazione dell'uomo, Sources Chrétiennes n° 6, cap. 21, pag. 181.

[10] Sant'Ambrogio afferma la sfericità del "mondo" così come del sole e della Luna, ma è difficile trovare una menzione esatta per la Terra, perché non è questo il tipo di questione che interessa ai Padri. Tuttavia la sua cosmologia presuppone fortemente la sfericità della Terra (cfr. P. L. XIV, col. 133). Lo stesso vale per Eusebio di Cesarea (Collectio Nova Patrum et Scriptorum, ed. Montfaucon, t. 1, p. 460) o san Girolamo (Commento alla Lettera agli Efesini, trad. Abbé Bareille)